Il referendum per l’indipendenza del Veneto c’è già e si vota dal 16 al 21 marzo

StampaDurante una fase pre-rivoluzionaria come quella che stiamo vivendo è normale che qualcuno si perda nelle retrovie a cercare di fare cose che sono già state risolte.
Per tale ragione ora è importante che tutti si concentrino sull’obiettivo.
Non serve a nulla in questa fase chiedere di fare un referendum per l’indipendenza del Veneto.

Il referendum infatti c’è già e si vota dal 16 al 21 di marzo 2014.

Tra due settimane.
Ora tutti, ripeto tutti, dobbiamo impegnarci solo ed esclusivamente a far votare quanti più veneti possibile. Più alta sarà l’affluenza e più sarà forte l’azione di costruzione della legittimità veneta, che scaturirà dal voto del 16-21 marzo.
Nessuno di noi vuole più essere scarnificato dallo stato italiano che ci deruba del 70-80% del frutto del nostro lavoro per lasciarci marcire in una prigione istituzionale fatiscente. Questo stato è marcio e illegittimo. Questo stato è un morto che sopravvive a sé stesso e traditore.
È inutile ora lamentarsi del peggiore regno del male del mondo occidentale.
Ora dobbiamo impegnarci tutti, indifferentemente dalla posizione ideologica o di parte di ciascuno di noi, per informare i veneti sul referendum di indipendenza.
Ognuno faccia la sua parte. Registriamoci al voto e facciamo registrare i nostri concittadini dal sito internet www.plebiscito.eu e tramite call center chiamando il numero 0423 40 22 22. Grazie alla registrazione sarà possibile ricevere il proprio codice personale per votare dal 16 al 21 marzo prossimi.
Sappiamo bene che la stragrande maggioranza dei veneti vuole andare a votare il referendum (73%) e che la grande maggioranza di essi intende votare sì all’indipendenza del Veneto (64,4%): pertanto ora finalizziamo il risultato e impegniamoci subito tutti, senza indugio e senza scuse. La libertà è a distanza solo di un click. Un click che ci separa dal peggiore inferno fiscale del mondo e ci fa entrare in prima linea al cospetto delle nazioni del mondo, con la nostra nuova Repubblica Veneta.

Chi vuole saperne di più, partecipi agli eventi e alle serate di presentazione in programma in tutto il Veneto.

Chi vuole aiutarci ci contatti per ricevere il materiale informativo e distribuirlo. Dopo aver già distribuito 1,5 milioni di volantini e manifesti, questa mattina sono arrivati nei nostri centri logistici di Marostica e Padova altri 1,5 milioni di volantini nuovi di zecca, con tutte le informazioni utili per informare i veneti sulle modalità di registrazione e di voto.

Il referendum c’è già: ora portiamo tutti i veneti al voto dal 16 al 21 marzo. Senza scuse e con l’entusiasmo di chi assapora il gusto irrinunciabile della libertà.

Gianluca Busato
Veneto Sì – www.venetosi.org
Comitato per il Sì nel referendum
di indipendenza del Veneto
del 16-21 marzo 2014

7 comments on «Il referendum per l’indipendenza del Veneto c’è già e si vota dal 16 al 21 marzo»

  1. caterina ha detto:

    se quelli di IV e quelli della Lega non votano al Referendum del 16-21 marzo si rivelano dei traditori del Popolo Veneto, perchè avendo l’occasione offerta su un piatto d’argento di esprimere un SI all’indipendenza e non ne approfittano, dimostrano di fare dell’indipendenza il solito specchietto per le allodole, e in realtà mirano ad altro…cioè alle solite poltrone, alle proprie ambizioni ed alle proprie tasche non alla libertà del Veneto!

  2. Lorenzo Cervato ha detto:

    ….. io comunque … dubito che i maiali …, mollino l’osso …… !!!

  3. Nico ha detto:

    TOSI, FIOI, VECI servono VOLONTARI per consegnare le lettere! Non aspettate che siano sempre gli altri a far tutto per voi! Questo è il momento di combattere, di agire!!
    Se non potete far nulla almeno donate un po’, come ho fatto io da studente universitario ho rinunciato a qualcosa e devoluto per la nostra causa! Qui non ci sono partiti, clientelismi, corrotti, caregari e gentaglia varia di pessimo rango a cui siamo abituati in italia e veneto (non neghiamolo), qui ci sono solo autentici patrioti i quali tutti ci mettono del suo per un ideale di LIBARTA, DEMOCRASIA, EGUAGLIANSA, JUSTISIA, ma quelle vere autentiche, non le solite sparate demagogiche dei politici ora e dei giacobini prima che ci rubarono la libertà ed il pane.

    Quando saremo liberi, veramente volete raccontare ai vostri figli che ve ne siete sbattuti e rimastii a guardare cosa succedeva comodamente seduti nelle vostre poltrone? E se rimarremo schiavi, veramente racconterete che voi ve ne siete fregati e non avete nemmeno provato a reagire??

  4. Damiano ha detto:

    Scusate l’ignoranza ma per votare basta solo registrarsi?..del codice che ricevo che me ne faccio?..non sarebbe più comodo per tutte le persone che nn sanno usare internet firmare personalmente?..grazie

    1. maury ha detto:

      ciao puoi votare anche tramite tel allo 0423 40 22 22 e quello è il tuo codice d’ingresso e riconoscimento.

  5. Martina ha detto:

    Ciao, per le persone anziane che non conoscono internet…come possono votare e contribuire ad esprimere il loro voto?

    Grazie

  6. alessandro ha detto:

    Il gusto della liberta’ per Una parte di un paese, l’Italia, che non ha piu Una moneta, ne Una banca nazionale mi Sa tanto che lasciera’ l’amaro in bocca a molto, soprattutto considerando che buona parte dei promotori esce proprio dal fior fiore di quei politici partitodipendenti che da anni bazzicano a Roma assistendo passivi o appoggiando Una classe di sfruttatori che vivono con emolumenti mensili pari ad un anno di lavoro dell’operaio da cui prendon tasse per non dire sangue e vita…

Lascia un commento