ROMA BOCCIA LO STATUTO SPECIALE, IL VENETO AUTONOMO È UTOPIA, ESAURITO IL RUOLO STORICO DELLA LEGA. ORA RESTA SOLO L’INDIPENDENZA CON VENETO SI

Reagiamo con forza allo schiavismo italianista, partecipando martedì 16 dicembre a Padova all’operazione “Matteo Evangelista”, per la liberazione fiscale dal peggiore burosauro del mondo

veneto-autonomoOggi il parlamento italiano ha stroncato la possibilità anche solo di pensare alla possibilità dell’autonomia del Veneto a statuto speciale. È stato infatti abortito e stroncato ancora prima di nascere il progetto del Veneto a Statuto speciale. Non sarà più possibile inseguire i sogni dei politicanti dei partiti in Veneto di una reale autonomia che consenta di competere con le regioni limitrofe su un piano di pari opportunità. La commissione Affari costituzionali della Camera, nel corso dell’esame al disegno di legge sulla riforma del bicameralismo e del Titolo V, ha bocciato un emendamento della Lega che autorizzava le regioni a statuto ordinario ad «avviare procedure di consultazione degli elettori, secondo modalità e termini previsti dai rispettivi statuti, per il riconoscimento della condizione di specialità, allegando al quesito referendario un progetto di revisione costituzionale». Anche la deputata del Pd Simonetta Rubinato ha ritirato una sua proposta analoga. Tutte le bugie pubblicate sui giornali nel corso di questi mesi e anni ora sono state finalmente smascherate: l’autonomia del Veneto è un’utopia. Oggi il parlamento italiano ha posto la parola fine al ruolo storico della lega nord, che è diventata un oggetto politicamente inutile e dispersivo. Quella roba lì non serve più a nulla a noi veneti. La secca dell’ordinaria amministrazione in cui si è confinata la balena verde, in un’era di cambiamenti e riforme necessarie è solo una perdita di tempo.

Noi lo diciamo dal 2006, da quando è possibile legalmente portare avanti il progetto di indipendenza del Veneto, grazie alla depenalizzazione della precedente legge fascista che prevedeva l’ergastolo per chi commetteva un antistorico reato d’opinione. E anche prima, negli anni ’90, per questo subendo inchieste e dossier.
Ora è un fatto politico, ciò che la logica dimostrava da sempre. Il parassita, il ladro, il furfante che vive nel malaffare grazie al furto delle risorse e del frutto del lavoro dei veneti non potrà mai concedere la libertà ai sudditi derubati. Anzi, è tanto arrogante e sicuro di sé da tenere anche corto il guinzaglio, non si sa mai che al veneto sciocco lavoratore che lo mantiene a sbafo vengano strane idee assaporando l’aria di maggiore libertà d’azione.
Questo ladro, questo parassita incapace e arrogante si chiama parlamento italiano e tutto il sistema di potere criminale che oggi pensa che uno stato artificiale di 60 milioni di abitanti possa reggersi sfruttando e mangiando sulle spalle di 18 milioni di sudditi che creano redditi. È la divisione prezzoliniana dell’Italia tra furbi e fessi, che trova la propria massima espressione proprio nel Veneto, dove gli imprenditori e il Popolo delle partite IVA arriva a suicidarsi dalla disperazione per ragioni economiche assumendosi responsabilità che non sono sue, ma dei lestofanti che ogni giorno mangiano pastasciutte a spese sue senza chiedere il permesso.

bozza_01 X_VenetoSI (3)Oggi è chiaro che è stato squarciato il velo ipocrita delle falsità: l’unica strada per la libertà si chiama indipendenza del Veneto. E l’unico strumento politico per attuarla si chiama Veneto Sì, grazie al sostegno di Plebiscito.eu.

Per questo martedì prossimo daremo il via alla liberazione fiscale dal mostro oppressore e arrogante, partecipando all’operazione “Matteo Evangelista”, con la MESSA IN MORA di EQUITALIA e dell’AGENZIA DELLE ENTRATE.

L’appuntamento è per martedì 16 dicembre alle ore 10 davanti agli uffici di Equitalia in via Longhin 115 a Padova.

L’ora della riscossa dei veneti è scoccata. Nessuno e niente potrà più fermarci. La libertà è un fiume in piena che scorre finalmente verso il proprio destino, che si chiama indipendenza della Repubblica Veneta.

Close-up of a Lion roaring, Panthera Leo, 10 years old, isolated on whiteGianluca Busato
Segretario – Veneto Sì

2 comments on «ROMA BOCCIA LO STATUTO SPECIALE, IL VENETO AUTONOMO È UTOPIA, ESAURITO IL RUOLO STORICO DELLA LEGA. ORA RESTA SOLO L’INDIPENDENZA CON VENETO SI»

  1. caterina ha detto:

    la bocciatura dell’autonomia per regioni che la volessero fa chiarezza sulla strada che il Veneto ha intrapreso con Plebiscito.eu: l’indipendenza invece è nel nostro diritto di popolo… se siamo capaci di prendercela ovviamente, e noi l’abbiamo già proclamata, a marzo,,,ora si tratta di attuarla, e qui si misura la reale volontà e capacità dei Veneti.
    Perciò, avanti tutta! non c’è alternativa se vogliamo salvarci ed essere finalmente LIBERI !!!
    e ricordiamolo…nessuno che oggi ha una poltrona ben pagata o magari anche una poltronina di risulta ha titolo e “soprattutto” reale volontà di perderla…perciò, non diamo ascolto alle varie trombe o trombette che sentiamo in giro…tutte che temono di essere dimenticate e si sentirebbero perse…

  2. enrico sebben ha detto:

    Italiani popolo a prevalenza ladri, pertanto è condizione normale essere gestiti da parlamentari, governatori, gestori del bene pubblico, ecc. ecc. LADRI non solo, ma bugiardi lazzeroni e nulla facenti. Se esiste qualche onesto significa che l’eccezione conferma la regola.

Lascia un commento