VAJONT: NELLA REPUBBLICA VENETA NON SAREBBE AVVENUTO

51° anniversario di una strage che vide 1917 morti e nessuna dimissione da parte neanche di uno straccio di sottosegretario

vajont-959x600La strage del Vajont, di cui oggi ricorre il 51° anniversario, è stato il tragico frutto una lunga catena di gravi irresponsabilità pubbliche che hanno rappresentato in maniera drammatica e senza pari lo stato italiano nella sua peggiore espressione, tra lassismo, mancanza di controlli e profonda corruzione.

1917 morti a Longarone, Erto e Casso, senza nemmeno uno straccio di dimissioni del più misero tra i sottosegretari. Possiamo dire con certezza che nella Repubblica Veneta indipendente una simile tragedia, causata dalla mancanza di valori umani, non sarebbe potuta avvenire.

vajont-1963Come già scrissi, il racconto di quegli attimi spaventosi fa parte della memoria collettiva di tutti i veneti e costituisce un fatto drammatico, che ci accomuna e rappresenta per noi veneti un giorno di lutto nazionale autentico. Un segnale terribile di distacco da uno stato che ancora oggi guarda al tragico evento con l’ipocrisia tipica di una capitale lontana, confermata dalle parole del primo ministro italiano di oggi, che neanche lontanamente prova l’idem sentire di quegli attimi che hanno scolpito la nostra storia.
Il 9 ottobre 1963 i cittadini di Longarone, Erto e Casso sono rimasti soli ed è rimasto solo l’intero Veneto unito in una tragedia senza pari.

Ricordo allora che fu esattamente un anno fa, in occasione del 50° anniversario di quel tragico evento, che, per qualche oscura ragione del destino, concepii l’idea del Plebiscito Digitale, che di lì a pochi giorni sarebbe stato annunciato al pubblico prima in un evento pubblico a Verona e quindi in un convegno che si tenne ad Este.

E come non ricordare allora che fu proprio un comune duramente colpito della tragedia, Castellavazzo, oggi unitosi a Longarone, che il 5 aprile 2013 per primo approvò il sostegno al referendum di indipendenza del Veneto?

Voglio riportare alla memoria questi piccoli episodi poiché anche nei momenti più bui si trovano i segnali per far vincere la vita sulla morte.

Se c’è una ragione che più delle altre rappresenta bene la necessità di cambiare corso con la nostra piena indipendenza è proprio la strage del Vajont che simboleggia al massimo la distruzione del nostro territorio e l’esigenza di una sana e virtuosa gestione della res pubblica che sia improntata su valori oggi calpestati dallo stato italiano.

Gianluca Busato
Segretario – Veneto Sì

2 comments on «VAJONT: NELLA REPUBBLICA VENETA NON SAREBBE AVVENUTO»

  1. willi ha detto:

    siamo uomini o conigli firmate tutti

  2. caterina ha detto:

    grazie di averlo ricordato questo misfatto perpetrato sul nostro territorio da uno stato e dalle sue burocrazie, che ne sortirono indenni ed irridenti e meritano invece un marchio di condanna per i secoli a venire… ricordo tornando in pulman da Padova il Piave gonfio di acqua e non si sapeva ancora di quanti cadaveri…
    Uno stato assassino… che continua ad esserlo, perchè anche le migliaia che ora annegano in mare sono addebitabili alla sua politica stolta..
    Il nostro Veneto torni nelle nostre mani…lo sapremo custodire rispettando le sue montagne, le sue acque, i suoi paesi, dove vogliamo continuare a vivere senza essere sfuttati da stolti per i quali contiamo meno di formiche….

Lascia un commento